Treviso: deciso allontanamento dalla madre alienante – Corriere 2.6.2017

L’odissea di un ragazzo di 13 anni. I magistrati: «Messo dalla madre contro il papà». Ora sarà allontanato e la donna si ribella: «Falsità, sta bene ed è felice: lasciatemelo»

TREVISO 2-6-17 — Dei suoi 13 anni, cinque li ha vissuti al centro della guerra scoppiata fra i genitori. E a pagare il prezzo più alto, ora, sarà proprio lui. Perché i giudici del Tribunale hanno deciso che il ragazzino dev’essere allontanato dalla madre «alienante». Una madre che, secondo i magistrati, l’avrebbe condizionato nel rapporto col padre, compromettendolo al punto che il genitore non lo vede da oltre un anno. Per questo una sentenza di primo grado, e confermata in appello, ha disposto che il 13enne venga trasferito in una comunità per un periodo di almeno sei mesi. Un caso che ricorda tristemente quello di Cittadella, con un altro minore conteso da genitori esautorati successivamente del loro ruolo perché ritenuti inidonei. «Un’ingiustizia, perché lui pagherà errori che non ha fatto» dice la mamma che, assistita dagli avvocati Fabio Capraro ed Elisa Danieli, ha provato in tutti i modi a opporsi.

Fonte: http://corrieredelveneto.corriere.it

Continua a leggere

Assolto dall’accusa di molestie sulle alunne. Era suggestione collettiva.

L’insegnante arrestato nel 2014 e incarcerato dopo le accuse di quattro alunne. Per i giudici colpa di voci, equivoci ed errori

(www.corriere.it) 26.5.17 MILANO – Quasi quasi, alla fine, il meno restano i 19 giorni a San Vittore nel raggio degli arrestati per reati sessuali, e i successivi altri 11 mesi ai domiciliari fino allo scadere della custodia cautelare: il meno, in confronto all’accusa di aver approfittato della propria condizione di docente di arte alla scuola media Manzoni di Milano per toccare il fondoschiena, accarezzare le cosce o sfiorare l’inguine di 4 alunne di I e III media. Una «violenza sessuale» dalla quale il Tribunale ha assolto «con formula piena perché il fatto non sussiste» il professor Maurizio Minora, ritenendolo vittima di una «suggestione collettiva»: innestatasi da un lato sulla sua dichiarata propensione a «un atteggiamento fisico e affettuoso sia con i maschi sia con le femmine» (come pacche sulle spalle o sculacciate per farli rientrare in classe), e dall’altro su «voci incontrollate e destituite di ogni fondamento» che di bisbiglio in bisbiglio lo volevano gay, poi pedofilo, poi già denunciato in passato, poi persino violentatore del proprio figlio, o egli stesso abusato da piccolo. La Procura della Repubblica, che aveva chiesto la condanna a 2 anni e 6 mesi, non ha impugnato l’assoluzione, e nemmeno la Procura Generale. L’assoluzione è dunque definitiva, al pari che per l’insegnante di sostegno Ripalta Izzi, per la quale erano stati chiesti 2 anni nell’ipotesi avesse saputo delle molestie ma non le avesse impedite. Continua a leggere

Gli asili a luci rosse e le indagini psicologiche – Guglielmo Gulotta

imagesIl clamore suscitato dalla vicenda dei presunti abusi all’interno della scuola materna Olga Rovere di Rignano Flaminio – che ha visto dapprima l’incarcerazione preventiva degli imputati poi rimessi in libertà dal Tribunale del riesame – ha il merito di aver finalmente richiamato l’attenzione dei media – e di conseguenza dell’opinione pubblica – su un fenomeno in realtà abbastanza diffuso nel nostro Paese, ma rimasto finora celato. Continua a leggere

Accuse nella Scissione della coppia – U. Bicocca 26.5.17

venerdì 26 Maggio 2017

Aula Luisella Sironi, edificio U4 aula 8 Piazza della Scienza 4, Milano

Ore 9.00-17.30 ingresso gratuito

Discussant: Marcello Adriano Mazzola avvocato familiarista foro Milano Rappresentante avvocatura

Relatori:

  1. Angela Caldarera Univ. Torino Scissione della coppia dopo riassegnazione di genere
  2. Giovanni Battista Camerini  Neuropsichiatra infantile, Univ. Padova, Quesiti in CTU e Perizia
  3. Marco Casonato docente Università Milano-Bicocca, Alienazione genitoriale
  4. Cataldo Intrieri avvocato Roma docente di Diritto processuale penale UniCusano Falso in perizia negli accertamenti in corso di scissione della coppia
  5. Giovanna Bellini, neurologa forense, Violenza assistita su minore attraverso crudeltà sull’animale
  6. Enrico Bet avvocato foro di Genova Stalking giudiziario
  7. Daniela Toschi psichiatra Un caso storico descritto da Ferenczi
  8. Lavinia Rossi psichiatra forense La sindrome da false accuse : quando lo stalking è un’astuzia della ‘vittima’
  9. Riccardo Dalle Luche psichiatra Università di Pisa La devianza dal modello del legame coniugale: il bovarismo e la sua progenie
  10. Enrico Di Fiorino Foro Milano Profili di rilevanza penale nella patologia del rapporto
  11. Marco Lagazzi psichiatra forense Costruzione del “falso abuso” e valutazione peritale
  12. Patrizia Micai avv. Foro Ferrara Falsi abusi come riconoscerli e come prevenirli 

Per gli avvocati c’è la possibilità di ricevere 4 crediti previa iscrizione, ovvero inviando una mail a casonato.convegni@gmail.com con nome, cognome, codice fiscale, email, ordine di appartenenza e numero di tessera dell’ Ordine

Accusato di molestie da moglie disturbata: è falso ma le figlie finiscono in casa famiglia

COMO 6.1.2013 – Non c’è esperienza che sappia dare un’idea più autentica e drammatica di cosa voglia dire sentirsi impotenti che la miopia burocratica. Una miopia che, per mesi interi, strappa i figli a un genitore solo sulla base di un sospetto.

Questa è una storia senza nomi e cognomi. E senza indicazioni geografiche precise. Cautele indispensabili non già per proteggere enti o adulti, ma per tutelare due bambine, entrambe minorenni, vittime di una denuncia tanto atroce quanto falsa, che le ha costrette a vivere per sei mesi lontane da padre e madre. A ripercorrere i passaggi di una vicenda sfociata in un’inchiesta penale archiviata in sei mesi dalla Procura (le accuse di violenza sono state ritenute infondate) è il padre dei due bimbi. Un medico comasco.

Fonte: http://www.laprovinciadicomo.it Continua a leggere

Scissione della coppia proseguita con altri mezzi – U. Bicocca 19.5.17

Università Milano-Bicocca

venerdì  19 Maggio 2017

Auditorium, via Vizzola 5, edificio U12 Ore 9.00-17.30 ingresso gratuito

Chairman: Marcello Mazzola avvocato foro Milano

  1. Stefano Zago neuropsicologo IRCSS Ospedale Policlinico di Milano La valutazione neuropsicologica nell’accertamento  della capacità genitoriale
  2. Marco Casonato Università Milano-Bicocca  A come ‘abuso’ o A come ‘appartamento’?
  3. Francesca Ricca Procura di Vercelli Accuse in corso di separazione conflittuale
  4. Francesca Scandroglio Psicologa forense, False dichiarazioni/memorie di abuso
  5. Leonardo Lenti  Università di Torino  I ‘Contatti’ secondo la Corte EDU
  6. Cinzia Gamba, Avvocato foro Brescia, docente di Diritto processuale civile, Università di Pavia Profili problematici della consulenza tecnica: la figura dell’ausiliario del CTU
  7. Ferruccio Tommaseo Università di Verona Il divorzio breve: le nuove regole per accelerare la dissoluzione dei rapporti coniugali in crisi
  8. Silvia Giavarrini, Avvocato foro Milano, assegnista di ricerca Università degli studi di Milano Le controversie insorte tra i genitori prima, durante e dopo la loro separazione, in ordine all’esercizio della responsabilità genitoriale: il procedimento di cui all’art. 709-ter c.p.c.  
  9. Riccardo Pesce avvocato Università Milano-Bicocca Certificazioni mediche per ottenere provvedimenti favorevoli sui figli o di carattere economico
  10. Serena Canestrelli, avvocato Dottore di ricerca in Diritto processuale civile Università Milano-Bicocca Conseguenze (giuridiche e umane) derivanti dalla prosecuzione in forma altamente contenziosa del processo
  11. Gloria Vannini NPI consigliere onorario CdA Firenze, Accuse di abusi in corso di separazione

Per gli avvocati c’è la possibilità di ricevere 4 crediti previa iscrizione, ovvero inviando una mail a casonato.convegni@gmail.com con nome, cognome, codice fiscale, email, ordine di appartenenza e numero di tessera dell’ Ordine.

Assolto dopo un calvario giudiziario: né pedofilo, né violento – La Stampa 1/3/2006

LA FINE DI UN INCUBO

LA DONNA, AFFETTA DA TURBE PSICHICHE, LO AVEVA DENUNCIATO: MI PICCHIA E ABUSA DI MIO FIGLIO

lastampatop2

Si è conclusa con un’assoluzione con formula piena l’incredibile odissea giudiziaria di un uomo già duramente colpito dal destino, che ha sfiorato l’abisso rischiando di venirne inghiottito per sempre. Quest’uomo, che chiameremo Luigi, nel giro di pochi mesi è passato da una vita in stile «Mulino Bianco» all’incubo di un processo infamante.

Continua a leggere