Biella 1996: il “caso zero” degli psicologi arrestati

La Stampa e il Fatto Quotidiano hanno messo al lavoro i loro reporter (nel caso del Fatto, Selvaggia Lucarelli ritratta nella foto). Così hanno scoperto che già nel 1996 alcune delle persone indagate a Reggio Emilia erano attive come consulenti nei casi di accuse di abuso sessuale sui minori. A Biella ci fu un’indagine su un’intera famiglia che fini tragicamente con il suicidio di tutti e quattro gli indagati.

(www.lastampa.it) 6.7.2019 — Uno dei primi casi che portò alla ribalta nazionale lo psicoterapeuta torinese Claudio Foti e la sua associazione, la «Hansel & Gretel» di Moncalieri, in questi giorni coinvolta nell’indagine «Angeli e Demoni», è quello dei quattro componenti della famiglia di Sagliano Micca, che, durante il processo per abusi nei confronti di due bambini, figli e nipoti, decisero di suicidarsi. Una storia che scosse profondamente il Biellese e non soltanto per il tragico epilogo. Accusati di aver abusato dei bambini fin da quando questi avevano appena tre anni, erano non soltanto Guido F., padre del maschietto, e Maria Cristina F., madre della bambina, ma anche la nonna Alba e il nonno Attilio. Foti, ora agli arresti domiciliari con accuse molto pesanti, di aver falsato i ricordi di alcuni bambini per poterli poi allontanare dalle famiglie naturali, con lo scopo di accumulare consulenze e far guadagnare i genitori affidatari, era il consulente della madre del bambino, da cui erano partite le prime segnalazioni, dopo una separazione tempestosa. La sua compagna dell’epoca, Cristina Roccia, anche lei della «Hansel & Gretel», poi coinvolta pochi mesi dopo nel caso di pedofili satanisti della Bassa Modenese oggi di nuovo in discussione, era invece la psicoterapeuta scelta dal pubblico ministero Alessandro Chionna.
Continua a leggere

Accusato di abusi sessuali sulla figlia ma è una calunnia della ex – Avezzano 30.8.17

Ormai queste notizie sono talmente comuni da venire trattate solo da siti di informazione locale. In questo caso la fonte è www.terremarsicane.it, e la notizia (che in condizioni normali dovrebbe fare gridare allo scandalo) è considerata un fatto di routine, alla stregua di un tamponamento al semaforo o degli schiamazzi notturni. Una donna accusa l’ex di aver violentato la figlia ed di aver avuto rapporti sessuali davanti alla minore. Ma la donna, residente ad Avezzano, è successivamente accusata di calunnia.

Durante le indagini è emersa una tendenza della madre a raccontare bugie, a travisare i fatti e a ingigantire i contenuti con l’unico obiettivo di accusare l’ex marito attraverso il coinvolgimento della figlia. Per tale motivo l’avezzanese, oltre a essere accusata di non aver dato seguito a un provvedimento del giudice non facendo vedere la figlia al marito, dovrà rispondere anche di circonvenzione di persona incapace e di calunnia. Le indagini preliminari sono state chiuse e ora si attende la decisione del giudice.

Questo blog contiene moltissime notizie come questa, ma si tratta solo di un piccolo campione perchè la maggior parte di questi fatti non vegono neppure riportati dai mass media.

Ma il fatto che sfugge ai più è che la notizia vera è un’altra. Ed è una questione bene più grave: come possono gli inquirenti occuparsi dei veri abusi sessuali sui minori se passano il loro tempo a dimostrare l’inconsistenza di denunce portate da genitori squilibrati per rovinare la vita dell’ex partner?

Perchè – come in tutte le cose della vita reale – le risorse sono limitate. Se si devono dedicare ad indagare su accuse false, poi mancheranno per trovare le prove e far condannare i colpevoli di veri reati.

Riferimenti: