Prima di Bibbiano: “I giudici e le false violenze il caso Forno arriva al Csm” – 23.12.2000

Lo scandalo delle false accuse di abuso sessuale di Bibbiano del 2019 necessita per essere compreso di una approfondita contestualizzazione storica. Qui un articolo di Repubblica che risale al dicembre 2000. Ebbene quasi venti anni prima dei fatti di Bibbiano gli addetti ai lavori erano pienamente consapevoli che qualcosa non andava per il verso giusto. Eppure, venti anno dopo, siamo al punto di partenza e nessuno di coloro che potevano agire per impedire il ripetersi di questi “errori” ha ancora fatto niente di definitivo. Viene da chiedersi se erano veramente errori…

la-repubblica-logo-big

MILANO 23-12-2000 (Repubblica) – Prove indicate nel capo di imputazione: denuncia della madre. Peccato che quella denuncia fosse solo una richiesta di aiuto, che la donna avesse solo cercato uno psicologo per farsi spiegare perché sua figlia di 3 anni, come una cantilena, ripeteva “culo” e “pisello”. Poi è cominciato un meccanismo infernale. Un meccanismo sul quale ora il Csm vuole chiarezza: il consigliere laico Eligio Resta ha chiesto l’ apertura di una pratica sul pm Pietro Forno per vedere se il suo operato abbia prodotto una qualche incompatibilità ambientale o funzionale.

Continua a leggere

Caso Biella 1996: parlano i protagonisti – La Stampa

“Dello scandalo di Sagliano siamo le vittime: basta puntare il dito contro di noi”

Per la prima volta dopo 23 anni parlano i protagonisti dell’inchiesta per abusi che si concluse col suicidio di 4 persone

(6.10.19 La Stampa) Ventitré anni fa, il 6 giugno 1996, un’intera famiglia si suicidò mentre era sotto processo per abusi su bambini. Una coppia di settantenni, il loro figlio maschio (commesso) e la figlia femmina (maestra). Andarono in garage, si chiusero in auto e morirono intossicati dai gas di scarico, dopo aver preso sonniferi. E dopo aver urlato la loro innocenza in due messaggi lasciati in casa, in cui parlavano dei «soprusi subiti per un anno dalla magistratura italiana». Continua a leggere

Non solo Bibbiano: a Salerno processo a due psicologi – 1.10.19

Bisogna cercare nelle cronache locali, perchè i giornali nazionali non ne parlano. Ma oltre alla vicenda di Bibbiano ci sono altri casi, altrettanto gravi. E c’è un filo rosso che li lega, per chi sa vederlo. Qui un articolo del sito Fanpage.it del 1° ottobre 2019. Ma la storia è vecchia, risale al 2013, ne abbiamo parlato anche su questo blog (qui e qui). Coinvolto un colonnello dei carabinieri,  vittima di false accuse di abuso sessuale da parte della ex moglie e alcuni psicologi. Tra gli imputati che avrebbero aiutato la madre a fare le false acccuse c’è una psicologa imparentata con alcuni magistrati del tribunale di Salerno. Viene da chiedersi: se una persona bene introdotta nell’ambiente come un colonnello dei carabinieri ha ormai perso ogni contatto con il figlio, che probabilità ha l’uomo comune di non essere stritolato dal sistema delle false accuse? Fatevi questa domanda e cercate una risposta… 

Fonte: Rosaria Capacchione napoli.fanpage.it Continua a leggere