Milano: madre spinge la figlia ad odiare il padre – 27.3.17

La piccola, influenzata dalla madre, non vuole vederlo né sentirne parlare. I giudici hanno confermato il collocamento presso la madre, ma con secche prescrizioni: deve dirle la verità sul papà e farglielo vedere.

(http://milano.corriere.it/) Colpirne uno (di genitori che «montano» il figlio contro l’ex partner) per educare cento di quei genitori che nel processo usano i figli come ostaggi o, peggio, come clave sul genitore rivale. La sezione Famiglia del Tribunale civile di Milano sceglie la linea dura e sanziona come «offesa alla giurisdizione» l’alienazione di una madre che tacciava il padre di «disinteresse per la figlia» e lo colpevolizzava per «la conseguente reazione di rifiuto della minore». Continua a leggere

Accusato di aver picchiato la figlia , era tutto falso – Corriere 11-7-2016

Roma, non picchiò la figlia Assolto dopo sei anni

Francese, arrestato con l’accusa di aver malmenato la bimba a Roma. «Indagini superficiali»

Fonte/Credits: http://www.corriere.it

ROMA 11/7/2016 – Una richiesta di risarcimento allo Stato italiano per 516.450 euro. L’ha presentata Julien Monnet alla corte d’Appello di Roma; Monnet, era l’informatico della Sparx arrestato a Roma nel 2008 per tentato omicidio nei confronti della figlia Luna di quattro anni che era con lui in vacanza a Roma.

corriere_sera

Sevizie a Regina Coeli – La sera del 7 luglio 2008 Monnet fu visto sbattere la testa della bambina sul travertino dell’Altare della Patria. Fu arrestato. Una vigilessa e un suo collega vennero ascoltati come testimoni. L’arresto fu convalidato e, in seguito senza grandi approfondimenti, diventò un capo d’imputazione. «Sei mesi di carcere – riepiloga l’ingegnere informatico – fra cui una permanenza nell’ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo Fiorentino. E con l’intervallo agghiacciante di un pomeriggio di sevizie a Regina Coeli. L’episodio denunciato ha dato vita a un processo separato per cui da poco è arrivata la condanna dell’ex medico del penitenziario romano, Rolando Degli Angioli.

Continua a leggere