G. B. Camerini: Criticità dei servizi sociosanitari-giustizia – Welfare Oggi 4-5/2019

Contributo su Welfare Oggi di Giovanni Battista Camerini che vuole sollevare interrogativi sul cosiddetto “metodo Bibbiano”.

Sembra chiaro, alla luce anche dei riscontri ottenuti nelle ultime settimane in sede giudiziaria, che cosa sia successo a Bibbiano, al di là del fumus politico. È stato risuscitato un metodo molto diffuso tra la fine degli anni 90 e l’inizio degli anni 2000 e applicato allora massicciamente in Lombardia e non solo (vedi Bassa Modenese): raccogliere e intercettare “segnali di abuso”, provvedere al più presto all’allontanamento del bambino che si sospetta sia stato vittimizzato, collocarlo in luogo sicuro e sottoporlo ad una psicoterapia con un duplice obiettivo: “curarlo” per ciò che si ipotizza abbia subito ed ottenere “rivelazioni” che possano essere poi portate in sede di raccolta della prova dichiarativa. Per questo le oltre 100 segnalazioni erano state inoltrate sia alla Procura del Tribunale per i minorenni, sia alla Procura del Tribunale Ordinario.
La prevenzione dell’abuso fondata su questi metodi selvaggiamente invasivi è fallita in tutto il mondo, e il cosiddetto “metodo Forno – CBM” in auge a Milano era stato abbandonato dopo alcuni clamorosi infortuni. Purtroppo i cultori di queste procedure (gli inglesi le chiamano “helping hand strikes again”), tra i quali spicca il dott. Foti con il suo Centro e i suoi seguaci, non si rassegnano alla evidenza e continuano a cercare di diffondere cattivi insegnamenti volti a utilizzare i Servizi sociali (che continuo a ritenere una risorsa utile e fondamentale e che sono tra le vittime di questo scandalo) non già come strumenti di aiuto e di supporto per le famiglie fragili e bisognose, ma come organi di indagine e di controllo sociale. A Bibbiano questi insegnamenti hanno trovato terreno fertile e risorse economiche per essere realizzati, con le nefaste conseguenze che si sono viste.
Gli esiti del processo penale che si terrà rilevano fino a un certo punto : la prima responsabilità si pone a livello civile per la adozione di cattive prassi che hanno danneggiato bambini e famiglie e che hanno screditato la funzione pubblica del Servizio.
Al di là della vicenda processuale occorrerà mettere mano ad una materia sulla quale si discute da decenni senza che nulla cambi. Gli articoli 330 e seguenti e l’articolo 403 del codice civile, risalenti al 1942, devono essere urgentemente modificati e riformati per introdurre il rispetto del contraddittorio nel rito camerale minorile e per obbligare la autorità giudiziaria ad effettuare le necessarie verifiche onde evitare che le segnalazioni dei Servizi diventino di per se’ prova dei fatti oggetto della informativa.

PDF Articolo di Giovanni Battista Camerini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...