Arrestato per abusi sessuali sulla figlia ma innocente: chiede un maxi risarcimento

OLBIA 23-11-17  –  Ha affrontato il carcere portando sulle spalle il peggior marchio di infamia per un padre: quella di aver abusato ripetutamente della figlia di sei anni. 74 giorni in cella a gridare la sua innocenza. Perché lui, la sua bambina non l’aveva mai toccata. Ed è stata proprio lei, alla fine, con le sue dichiarazioni, a scagionarlo.

Il tribunale di Tempio il 15 marzo scorso lo ha assolto dall’accusa “perché il fatto non sussiste”. Il 68enne di Olbia non è un pedofilo e, adesso, tramite il suo avvocato chiede alla Corte d’appello un maxi indennizzo per ingiusta detenzione: 516mila euro, il massimo previsto.

Articolo completo e altri servizi nel giornale http://www.lanuovasardegna.it in edicola e nella sua versione digitale

Annunci