Accusata di pedofilia si uccide – Unione Sarda 9-5-2018

(www.unionesarda.it/) 9.5.2018 “La gente è solamente capace di giudicare. Sono innocente”. Poche righe, scritte su un foglietto quando ormai per lei tutto pareva non avere più senso. Quell’accusa, così infamante, era diventata un macigno troppo pesante da sopportare.

Agnese Usai, ex bidella di Sestu di 64 anni, ha così deciso di togliersi la vita, poco dopo aver ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini preliminari che ipotizzavano un abuso sessuale su una scolaretta di quattro anni.

LA TRAGEDIA – La tragedia si è verificata lunedì sera a Sestu, dove per tutta la vita la donna ha lavorato come bidella nelle scuole dell’infanzia. Una carriera specchiata, senza mai un appunto, almeno sino all’accusa che le era piovuta all’improvviso circa due anni fa, quando era in procinto di andare in pensione. Scritto su un foglio il suo ultimo, disperato urlo di innocenza, ha fatto scivolare via la propria vita senza più combattere.

LA SCOPERTA – La scoperta dell’estremo gesto è avvenuta nella tarda serata di lunedì, quando a casa della donna sono arrivati i soccorritori del 118 e i carabinieri della stazione cittadina, coordinati dal maresciallo Riccardo Pirali. Quanto accaduto è apparso quasi subito chiaro, tanto che i militari hanno subito avvisato il sostituto procuratore di turno, Diana Lecca, che non ha nemmeno disposto il sequestro della salma. Suicidio.

LA VICENDA – All’origine della decisione dell’ex bidella di togliersi la vita ci sarebbe stata proprio la recente chiusura delle indagini preliminari da parte della Procura sul presunto caso di molestie avvenuto in una delle scuole dove la donna ha lavorato negli ultimi anni.

Il condizionale è d’obbligo, visto che la vicenda era ancora in fase di accertamento. Un epilogo così tragico e inatteso ha sconvolto anche chi lavora negli austeri corridoi della Procura: lo si è capito in queste ore dal volto del procuratore aggiunto Gilberto Ganassi, titolare del fascicolo, e dagli occhi pieni di commozione delle ispettrici della polizia giudiziaria che hanno lavorato al caso, per mesi, con grande attenzione e senza mai far trapelare nulla dell’inchiesta.

L’IMPUTAZIONE – A far scattare le indagini sull’ex collaboratrice scolastica era stato l’esposto presentato dai genitori di un’alunna di quattro anni delle materne che aveva raccontato di essere stata toccata in bagno dalla bidella. Gli accertamenti sono durati a lungo, sempre con grande discrezione: le agenti della polizia hanno sentito i genitori di vari altri alunni, colleghi e insegnanti, e tutti hanno escluso di essersi mai accorti di nulla o di aver mai visto comportamenti sospetti da parte di Agnese Usai. Nemmeno le intercettazioni telefoniche e ambientali avrebbero aiutato a chiarire se l’episodio raccontato dalla bimba fosse reale o travisato.

L’INCIDENTE PROBATORIO – A determinare l’intenzione degli inquirenti di proseguire con l’esercizio dell’azione penale (anticipata dall’avviso di chiusura delle indagini preliminari, anziché prospettare un’archiviazione) sarebbe stato l’incidente probatorio che si è tenuto lo scorso anno. La bambina, già più grandicella, sarebbe stata sentita in ambiente protetto davanti ad un giudice, con l’indagata assistita dagli avvocati Walter e Franco Pani, e avrebbe confermato sostanzialmente il racconto già fatto in passato. Notificato l’avviso di conclusione delle indagini, Agnese Usai avrebbe potuto ancora farsi interrogare, presentare memorie e provare a chiarire la sua posizione al magistrato e agli investigatori prima che venisse formalizzata una richiesta di rinvio a giudizio. Contattato, il difensore Walter Pani ha preferito ieri non rilasciare commenti sulla vicenda.

IL CORDOGLIO – A Sestu, intanto, la notizia della morte dell’ex bidella che in tanti conoscevano, si è diffusa rapidamente. Chi sapeva della vicenda giudiziaria difende Agnese Usai a spada tratta, mentre c’è incredulità, sofferenza e disperazione tra parenti, ex colleghi e vicini di casa.

Francesco Pinna

Fonte/Credits: http://www.unionesarda.it/

 

Repubblica 9.5.18 – CAGLIARI – Non ha retto ad un’accusa così infamante, arrivata al termine di 40 anni di lavoro tra i bambini delle scuole materne di Sestu, nel Cagliaritano. Una ex bidella di 64 anni, da due in pensione, come riporta oggi il quotidiano “L’Unione Sarda”, si è uccisa nella sua abitazione.

La donna, A. U., aveva da poco ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini che la Procura di Cagliari aveva aperto due anni fa, a seguito della denuncia per abusi sessuali su minore presentata dai genitori di una bambina di 4 anni. Ha affidato la sua difesa a un biglietto, dove ha lasciato scritte solo queste poche righe: “La gente è solamente capace di giudicare. Sono innocente”.

Il suicidio, che risale a lunedì sera, ha profondamente scosso la cittadina sarda, dove la donna aveva lavorato tutta la vita nelle scuole dell’infanzia. Una carriera specchiata, mai un rimprovero, fino appunto all’accusa di molestie, giunta quando era ormai sul punto di andare in pensione. Anche per questo a Sestu nessuno crede all’accusa di abusi. “È stata colpita proprio in quello che amava di più, i bambini e il suo lavoro – racconta una vicina – Non si era sposata e aveva anche un carattere brusco, ma per la scuola e i suoi bimbi si è sempre fatta in quattro. Sono convinta che, se qualcosa c’è stato, si sia trattato di un terribile malinteso. Lei era sempre molto rigorosa”.

Grande commozione anche tra i genitori e gli insegnanti nelle scuole dove la donna ha lavorato sino alla pensione. “Era una persona corretta e attaccata al lavoro – la descrivono i colleghi – non si risparmiava ed era un punto di riferimento per i bimbi”.

Secondo il racconto della piccola, l’ex bidella l’avrebbe molestata dopo averla portata in bagno. Nessun altro elemento di prova sarebbe stato raccolto dagli inquirenti, visto che sia le intercettazioni che i riscontri con eventuali altri casi analoghi avrebbero dato esito negativo. Ma terminate le indagini, la Procura ha deciso di proseguire con la propria azione penale perché nell’incidente probatorio – fatto lo scorso anno – la bimba, sentita dal giudice in ambiente protetto, avrebbe confermato di fatto il suo primo racconto.

Da qui, la notifica che precede la richiesta di rinvio a giudizio del pm che potrebbe aver sconvolto la donna. Oggi alle 16 i funerali nella chiesa di San Giorgio.

Fonte/Credits: http://www.repubblica.it/

Annunci

One thought on “Accusata di pedofilia si uccide – Unione Sarda 9-5-2018

  1. […] Vedi anche: Accusata di pedofilia si uccide – Unione Sarda 9-5-2018 […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...