Bimbe contese: il tribunale belga archivia le accuse contro il padre

313021_236689226392960_2099326701_aSAN BENEDETTO DEL TRONTO 18/12/2008 – Il Tribunale di Prima Istanza di Mons (Belgio) ha ritenuto di non dover procedere nei confronti della famiglia Antonini per gli episodi di presunte violenze sessuali nei confronti delle due figlie di Rocco Antonini e Maria Pia Maoloni. Si ricorderà il caso delle due sorelline italo-belghe contese dai genitori separati, portate in Italia nell’ottobre del 2006 dalla madre, la Maoloni, e poi affidate alla Casa Famiglia Santa Gemma fino a quando, nel maggio 2007, non ne venne disposto il rimpatrio da parte del Tribunale dei Minori di Ancona.
Una storia penosa, che il nostro giornale seguì con particolare attenzione, venendo in possesso dei documenti e delle sentenze della giustizia belga che davano ragione al padre Rocco e al nonno Roberto, accusando la signora Maoloni.
Ora giunge questa archiviazione da parte del tribunale belga nei confronti delle gravi imputazioni: come si legge nell’atto, “non esiste alcun fatto contro Rocco Antonini, Roberto Antonini, Fabian Antonini e Jordan Antonini” (questi ultimi due sono gli zii paterni delle bambine).
Il Procuratore del Re di Mons ha chiesto al giudice istruttore di proseguire le indagini nel procedimento penale a carico della signora Maoloni.
Di questi ultimi sviluppi, è stato informato con una missiva ufficiale il dottor Piero Baschieri, procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Fermo, che sta continuando a seguire il caso.

Oliver Panichi

Fonte/Credits: http://www.rivieraoggi.it

***

26/3/2010 La vicenda delle bimbe contese protagonista della puntata de Le Iene. Il Format di Italia Uno ha intervistato la mamma Maria Pia Maoloni e è arrivato fino in Belgio a intervistare il padre, accusato dalla ex moglie di pedofilia.

Fonte: http://www.youtube.com/watch?v=1HHBrKhncWo

***

“La camera di consiglio ha rimesso gli atti alla Corte Europea, per capire se l’uomo può essere processato in quanto risulta essere cittadino belga. Ora dovremo discutere lì”

Vicenda bimbe belghe – Passa tutto alla Corte Europea

Fermo 12/7/2012 – Cosi l’avv. Carlo Taormina sulla decisione presa oggi dal Tribunale di Fermo chiamato a giudicare Roberto Antonini, nonno paterno delle due sorelline belghe sulle quali avrebbe commesso abusi sessuali. Il legale difende la mamma delle due bambine, Maria Pia Maoloni. Antonini era stato rinviato a giudizio nel 2008, mentre, in precedenza, la Corte di assise belga di Mons lo aveva prosciolto dall’accusa. La vicenda risale al 2006 – le due bambine avevano una sette e l’altra tre anni – quando la signora Maoloni fuggì dal Belgio nelle Marche, a Castignano (Ascoli Piceno), con le figlie, perché sosteneva di avere le prove che le bambine erano state abusate dal nonno e dal padre. La donna finì però agli arresti e le piccole vennero affidate a una casa famiglia. Dopo una logorante battaglia legale, le bambine, nel 2007, furono riconsegnate al padre e rimpatriate. La Maoloni si vide negare dall’allora guardasigilli Mastella la richiesta di rogatoria internazionale.

Fonte/Credits: http://www.tvpitalia.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...